“La stagione arida di Minerva Jones” di Francesca Borrione

15,00

Minerva ha diciassette anni, gli occhi grigi di suo padre e un’ombra di capelli che pochi ricordano come fossero. Veste abiti più grandi di lei, ormai fuori moda, e cammina nei suoi consunti stivali bordeaux, ai margini di un paese e di una vita con cui non è più in sintonia. Come la Minerva Jones di Lee Masters è assetata di amore e di vita, ma niente sembra essere adatto a lei, tranne le beffe che si fanno gli altri, William e Albert primi fra tutti. Quando, dopo l’estate, torna a casa da suo padre, però, qualcosa cambia e il destino diventa imprevedibile e scostante. Tenace come un fiore che affonda le radici nel terreno più ostile, e si nutre delle gocce di rugiada che può rubare a dispetto del mattino grigio e freddo, Minerva ha un’importante lezione di vita da dare a tutti, stipata nei suoi silenzi: se «le persone sanno soltanto quello a cui vogliono credere», l’amore è più forte di tutto. E lo merita anche lei.

Categoria:

Descrizione

Francesca Borrione

Francesca Borrione

Francesca Borrione (1978), ricercatrice e scrittrice, è dottore di ricerca in Scienze Umane e dell’Educazione (Università degli Studi di Perugia), ed è attualmente impegnata nel conseguimento del suo secondo PhD in Inglese presso la University of Rhode Island, Stati Uniti, dove studia il cinema e la letteratura italoamericani. È autrice di diversi articoli accademici e quattro monografie, e dei romanzi L’uomo che attraversò il tempo per me (2013), L’amore è un rito(2013) e Il richiamo delle onde (2015).

Rassegna stampa

La stagione arida di Minerva Jones: recensione

RECENSIONE-LA STAGIONE ARIDA DI MINERVA JONES

http://ladyeiry.blogspot.com/2018/09/recensione-la-stagione-arida-di-minerva.html

https://www.goodreads.com/book/show/36499014-la-stagione-arida-di-minerva-jones

https://books.google.com/books/about/La_stagione_arida_di_Minerva_Jones.html?id=vf91swEACAAJ

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo ““La stagione arida di Minerva Jones” di Francesca Borrione”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.